La sincronicità è una realtà onnipresente, per chi ha occhi per vedere

Carl Gustav Jung

(1875 – 1961)

Solo in epoca moderna abbiamo bisogno della parola ‘Sincronicità’. Tutto è cominciato quando lo psichiatra Carl Jung ha individuato il concetto e gli ha dato questo nome, ma la sincronicità era una parte così naturale della vita che non ci sarebbe stato bisogno di un vocabolo.

Nel passato, se una persona pensava a qualcuno che non aveva visto, o a cui non aveva pensato per molti anni, e quella persona fosse apparsa inaspettatamente, spesso si sarebbe pensato che il pensiero e l’evento fossero collegati. Oggi, invece, viene sovente considerata ‘solo una coincidenza’. In genere, non fa parte del pensiero moderno il ritenere che la mente di una persona sia connessa in qualche modo con il mondo circostante.

“La Sincronicità descrive il fenomeno delle coincidenze in cui due o più eventi indipendenti sembrano formare uno schema con un significato, nonostante non abbiano alcuna apparente connessione causale lineare.”

Nella visione del mondo primitiva, le persone consideravano il mondo e loro stessi interconnessi, illustrando il concetto con un’immagine di un cerchio all’interno di un altro. Il cerchio interno rappresenta l’io o ego, quello esterno il mondo. Poi esiste una barriera tra i due cerchi, che è permeabile. Ma nella visione moderna, questa linea è continua, dal momento che l’ego è separato dal mondo.

Secondo Tarnas, attualmente prevale invece la visione del mondo cartesiana (che prende il nome dal filosofo del XVII secolo René Descartes, noto per la summa ‘Cogito, ergo sum’), in cui l’io è isolato dal mondo esterno. In questa idea l’io contiene il significato, ma il mondo è privo di significato, è oggettivo.

In altre parole, nel passato la sincronicità era un dato di fatto. Il mondo interno ed esterno di una persona erano flessibili e non era sorprendente che qualcosa nel mondo esterno fosse connesso ai suoi pensieri.

Tarnas ha affermato che il seme del riduzionismo piantato durante la rivoluzione scientifica del XVI secolo ha accresciuto la sua forza nel XIX secolo. Pertanto Jung ha parlato di sincronicità nel mondo Occidentale con una visione disincantata e in un momento critico.

«La sincronicità rivela le importanti connessioni tra il mondo soggettivo e quello oggettivo», aveva scritto Jung. «La sincronicità è una realtà onnipresente, per chi ha occhi per vedere».

Fonte: http://epochtimes.it/

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos'è il Coaching

Come funziona e quando serve.

Il tuo corso online

Perché la distanza e i costi non devono essere un problema.

Il vostro corpo è attraversato dalle vibrazioni del mondo intero

Il vostro corpo è attraversato dalle vibrazioni del mondo intero di Paramahansa Yogananda  Fra voi, il mondo che vi circonda e le persone con cui venite a contatto si determina un costante scambio di magnetismo. Ad esempio, incontrando qualcuno, potreste avere la...

Come uscire dalle dinamiche inconsce e creare nuove realtà

Come uscire dalle dinamiche inconsce e creare nuove realtà Paragoniamo, per un attimo, la realtà oggettiva ad un enorme schermo acceso, dove vi è solo il brusio di miliardi di pixel senza nessuna congruenza; immaginiamo di coprire questo schermo con un grande foglio...

Le emozioni positive stimolano la produzione dell’ormone anti-invecchiamento

Le emozioni positive stimolano la produzione dell'ormone anti-invecchiamento Il dehydroepiandrosterone (DHEA) è un ormone del benessere che contrasta gli effetti del cortisolo, l'ormone dello stress per antonomasia. Il DHEA è stato soprannominato "ormone...

Riallinearsi con la sicurezza interiore

Riallinearsi con la sicurezza interiore Rafforzare la propria sicurezza interiore vale lo sforzo che richiede, soprattutto perché la mancanza di sicurezza costituisce il principale ostacolo all'espressione della forza del proprio vero sé. Attivare il cuore energetico...

Liberarsi dall’ansia (senza medicinali)

Liberarsi dall'ansia (senza medicinali) Capita spesso che eventi inattesi o nuovi provochino un senso di paura o insicurezza. Ci si sente impauriti semplicemente perché non si è mai fatta esperienza di quella situazione in precedenza: è paura dell'ignoto. Oppure si è...

Decisioni, scelte e dilemmi

Decisioni, scelte e dilemmi A chi non è capitato di dover prendere una decisione pur non essendo di fronte ad una scelta vera e propria? Si dice, infatti: “Una sola opzione significa non avere scelta. Due opzioni rappresentano un dilemma. Solo quando si hanno almeno...

La comunicazione energetica con gli altri

La comunicazione energetica con gli altri L'ampiezza deĺla comprensione dell'altro in un processo di comunicazione varia a seconda della maggiore o minore consapevolezza dei propri strumenti comunicativi. In particolare, è di estrema rilevanza la presa di coscienza...

La lamentela spegne i neuroni

Claudia Galli ________ 27/01/2018 La lamentela spegne i neuroni Il cattivo uso dell'energia che incameriamo, principale causa dello stato ordinario di coscienza, provoca l'emissione di forze vibrazionali che nel loro manifestarsi svolgono un'azione altamente dannosa e...

Il continuo “volere” preclude la realizzazione

Claudia Galli ________ 28/12/2017 Il continuo "volere" preclude la realizzazione Il Mondo esprime il meglio di Sé attraverso i paradossi. Meno vuoi, più ottieni. Il volere implica uno stato di non accettazione dell'attimo presente, e la Vita risponde a ciò che risuona...

Spunti • Bisogna saper scegliere.

LIFE COACHING Bisogna saper scegliere. Claudia Galli, Life & Executive Coach Io scelgo ciò che voglio vedere. Peccato che il voglio è decisamente relativo se consideriamo che chi vede la Realtà è la nostra mente - che per il 90% è inconscia. Il gioco è molto sottile e...
Claudia Galli

Claudia Galli

Personal Coach e ricercatrice indipendente, Claudia Galli si occupa di Coaching dal 2009. Insieme all’attività di Coaching individuale tiene conferenze in tutta Italia indirizzate al risveglio e alla crescita del potenziale umano.

Share This