La Coerenza Globale

Basi, Scienza del Cuore | 0 commenti

Gli scienziati presso l’Istituto HeartMath (IHM) e il Global Coherence Initiative (GCI) hanno condotto una ricerca approfondita sul potere dell’intelligenza del cuore, l’intuizione e la connessione energetica tra tutte le cose.

IHM e GCI hanno esplorato il complesso sistema di scambio informazioni tra cuore e cervello,come le emozioni influenzano la biologia umana e le influenze che i campi geomagnetici e l’attività solare hanno sulla nostra vita quotidiana.

La Dott.ssa Elizabeth Rauscher, astrofisica di fama internazionale e scienziata nucleare, insieme al defunto marito, il Dott. William Van Bise,  ha lavorato a partire dai primi anni 80, alla costruzione di un rilevatore sensibile ai campi magnetici per monitorare le pulsazioni e le risonanze del campo geomagnetico terrestre e della ionosfera. La loro ricerca ha portato ad alcuni risultati significativi.

Ad esempio, rilevarono cambiamenti nel campo magnetico della Terra, due o tre settimane prima che avvenissero terremoti o eruzioni vulcaniche, suggerendo che un sistema di monitoraggio multistazione poteva prevederli. Non solo la Dott.sa Rauscher e Van Bise riuscirono a prevedere l’eruzione catastrofica del Monte St. Helens a Washington, ma in un anno e mezzo dopo l’eruzione, avevano previsto l’84% delle attività sismiche che si verificarono all’interno di un’area di 100 chilometri quadrati intorno a un singolo rilevatore.

Questa sola constatazione dovrebbe giustificare lo sviluppo di un sistema di monitoraggio globale, ma ci sono ancora più importanti ragioni per farlo.

“Le onde cerebrali delle persone sono in grado di sincronizzarsi con il ritmo delle onde elettromagnetiche generate nella ionosfera terrestre.”

La risonanza magnetica terrestre vibra alla stessa frequenza delle onde emanate dal nostro ritmo cardiaco.

La comunità scientifica sta iniziando a mostrare sincero interesse verso l’interazione dei campi generati dai sistemi viventi e la ionosfera. Ad esempio è stato rilevato che la Terra e la ionosfera generano una sinfonia di frequenze da 0,01 Hz a 300 Hz, e alcune delle grandi risonanze che si verificano in quei campi sono nella stessa gamma di frequenze di quelle del cuore e del cervello umano.

I cambiamenti nel campo magnetico terrestre sono associati a cambiamenti nel cervello e all’attività del sistema nervoso, alle prestazioni atletiche, alla memoria, ad una vasta gamma di percezioni extrasensoriali, alla sintesi di sostanze nutritive nelle piante; al numero di violazioni del traffico e degli incidenti segnalati, a infarti e ictus, e all’incidenza di depressione e suicidio. È interessante notare che i cambiamenti delle condizioni geomagnetiche influenzano i ritmi del cuore in maniera più forte rispetto a tutte le altre funzioni fisiologiche coinvolte nella ricerca.

Se da una parte è facile concepire che le forme di vita incorporate nei campi magnetici della terra possano essere influenzate dalle modulazioni che avvengono in questi campi, dall’altra potrebbe essere più difficile accogliere l’idea che i campi terrestri e della ionosfera possono essere influenzati e modulati dalle emozioni umane.

Questa prospettiva è sostenuta da una ricerca presso l’Istituto HeartMath, che ha dimostrato che le emozioni determinano non solo la coerenza o l’incoerenza nei nostri corpi, ma si espandono, come le onde radio, anche verso l’esterno e vengono rilevate dai sistemi nervosi degli altri individui nel nostro ambiente.

Se tutti i sistemi viventi sono interconnessi e comunicano tra loro tramite campi biologici, elettromagnetici, e non locali, è ovvio che gli esseri umani possono lavorare insieme in un rapporto di co-creazione per aumentare consapevolmente la coerenza nell’ambiente del campo globale, che a sua volta distribuisce questa informazione a tutti i sistemi viventi all’interno del campo.

Un obiettivo primario di GCI è quello di verificare l’ipotesi che un gran numero di persone in uno stato di coerenza psicofisiologica possano volontariamente codificare le informazioni nei campi energetici e geomagnetici della Terra, che agiscono come onde portanti.

Per condurre questa ricerca, una rete globale di 14 rilevatori ultrasensibili di campi magnetici sono stati già in parte installati strategicamente in tutto il pianeta. L’obiettivo primario e più importante di GCI è quello di motivare il maggior numero possibile di persone e di lavorare insieme in modo coerente e collaborativo per elevare la coscienza umana collettiva.

Se siamo convinti che non solo i campi esterni di origine solare e cosmici, ma anche l’attenzione umana e l’emozione possono influire direttamente sul mondo fisico e sugli stati mentali ed emotivi degli altri (coscienza), si amplia la nostra visione di ciò che significa una reale interconnessione e come possiamo utilizzarla intenzionalmente per plasmare il futuro del mondo in cui viviamo.

Tutto ciò può essere raggiunto quando un numero crescente di persone si sposterà verso risposte emozionali più equilibrate ed autoregolate.

 

Per conoscere tutti i dettagli del progetto: Global Coherence Initiative

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decisioni, scelte e dilemmi

Decisioni, scelte e dilemmi...

La comunicazione energetica con gli altri

La comunicazione energetica...

La lamentela spegne i neuroni

Claudia Galli ________...

Spunti • Bisogna saper scegliere.

LIFE COACHING Bisogna saper...

Messaggi in bottiglia

Messaggi in bottiglia "Si...

Credere nel Potere Creativo

ESOTERISMO Credere nel...

Come in alto, così in basso

ESOTERISMO Come in alto,...

Spunti • La Matrice sei Tu

SPUNTI La Matrice sei Tu...
Claudia Galli

Claudia Galli

Personal Coach e ricercatrice indipendente, Claudia Galli si occupa di Coaching dal 2009. Insieme all’attività di Coaching individuale tiene conferenze in tutta Italia indirizzate al risveglio e alla crescita del potenziale umano.

Share This